Loading...
Aggiornato al: 23 Maggio 2019 11:00
Mercati
Avvolgibili e contenitori per alimenti: i drug store salvano le vendite

In un mercato maturo e apparente fermo come quello degli avvolgenti per alimenti, la dinamicità arriva dai canali - dove prende il sopravvento il drug - e dall’innovazione di prodotto. Ferme, se non in calo, invece le vendite. Un andamento che rispecchia, amplificandolo, quello dell’intero comparto dei casalinghi che, secondo l’Osservatorio Non Food di GS1 Italy, nel 2017 è sceso di quasi mezzo punto percentuale rispetto alle già non brillanti performace degli anni precedenti.
Per i rotoli di alluminio, infatti, le vendite nel tradizionale canale iper+super+libero servizio scendono del 9,7% a volume e del 8,2% a valore rispetto all’anno precedente. Anche il discount fatica, con una perdita del 7,6% a volume e 4,6% a valore. A tutto vantaggio delle superfici dedicate a casa e toilette che vedono un aumento del 5,4% in quantità e 5,9% in valore. Ancora più eclatanti sono i risultati delle vendite presso i drugstore di pellicole (+13,8% a volume e 10,8% a valore), carta forno/frigo (rispettivamente +7,2% e +10,4%), sacchetti gelo (+15,2% e 8,4%), vaschette usa e getta (+14,6% e +8,6%). Anche se pellicole e carta forno crescono bene pure nei discount: a volume +3,7% la prima e +10,4% la seconda, a valore rispettivamente +0,5% e +3,3%. Mentre la gdo continua la sua discesa in tutti i segmenti. Andando più nel dettaglio, però, si nota che il canale supermercati - che a oggi ancora veicola i maggiori volumi e valori, con quasi il 70% del mercato - offre le migliori prestazioni nella gdo. Il totale avvolgenti per alimenti, infatti, ha perso del 6,1% a volume e a valore negli ipermercati, del 4,5% e del 3,8% nelle superette, ma ‘solo’ dell’1,8% e 2,4% nei super. Si può quindi concludere che, sebbene gli specializzati ancora rappresentino un settore piccolo in termini di vendite e non paragonabile ai volumi venduti dalla gdo, siano però riusciti ad attirare gli acquisti dei consumatori.

Servizio e sostenibilità guidano l’innovazione
Anche il comparto del disposable, come per tutti i mercati, beneficia del trend positivo dei segmenti premium, bio-eco e funzionale, come emerge dalle tendenze in tutti i mercati. Piacciono quindi prodotti che possano offrire al consumatore un posizionamento in questi tre macro cluster. Del resto, almeno per il bio ed eco è quasi inevitabile dal momento che, secondo quanto stabilito dal piano dell’Unione europea per la gestione delle enormi quantità di plastiche che vengono riversate nell’ambiente, entro il 2030 tutto il packaging in plastica immesso nel mercato europeo dovrà essere riutilizzabile o riciclabile, per renderci meno dipendenti dalle importazioni di combustibili fossili e dalle emissioni di CO2. “Rispetto a quanto detto – commenta Lorenzo Francia, amministrato delegato di Comset – per il nostro mercato la risposta alle proposte bio ed eco sono, però, ancora molto di nicchia: il consumatore deve innanzitutto avere la sicurezza di una prestazione ottimale. Invece, la connotazione premium è sicuramente ben accettata da un consumatore ‘esigente’ e sta rappresentando una alternativa alle attuali referenze standardizzate e commodity: la migliore funzionalità dei prodotti è una delle opportunità a cui il mercato sta reagendo con maggiore entusiasmo”. Comset, con il marchio Frio, ha lanciato nel 2018 una serie di prodotti che rispondono proprio a questa domanda. Per il segmento premium ha realizzato la gamma Frio Expert: una serie di referenze che per prestazioni soddisfano i consumatori più esperti ed esigenti, come il rotolo di alluminio più spesso di circa il 50% rispetto alla media dei prodotti sul mercato, le vaschette rettangolari e rotonde con valenze di resistenza/spessore/riutilizzo molto più elevate dei corristettivi standard o di design. Per il segmento funzionale ha, invece, creato una pellicola trasparente dotata di una taglierina a scorrimento che garantisce un taglio preciso e senza sprechi del prodotto, un rotolo di alluminio goffrato che garantisce una migliore ‘avvolgenza’ rispetto ai prodotti standard. Per il driver bio ed eco è nata, infine, la gamma Natural con carta forno in due formati (in rotolo e in fogli pretagliati) prodotta con fibre di cellulosa vergini, esente da processi di sbianchimento, ma che garantisce prestazioni identiche alla carta forno di migliore qualità in termini di anti aderenza, temperature di utilizzo, biodegradabilità. Per il 2019 Comset completerà l’offerta di nuovi prodotto con alcune novità in esclusiva per il mercato italiano - alcune anche realizzate in collaborazione con la casa madre Sphere -, e che metterà a disposizione anche ai propri partners delle pl.

11 Dicembre 2018
Articoli Correlati