Loading...
Aggiornato al: 08 Dicembre 2019 16:00
Export
Conserve Italia: export in crescita del +9,9%

Quasi 300 milioni di euro di debiti tagliati in 15 anni, con un’ulteriore riduzione di 10 milioni registrata nell’ultimo esercizio, posizione finanziaria netta del Gruppo che si attesta a 173 milioni, la migliore mai registrata, ed export in crescita. È quanto emerge dal bilancio 2018-19 di Conserve Italia, approvato dall’assemblea dei soci riunitasi nella sede di San Lazzaro di Savena (Bo) in rappresentanza dei 45 enti (di cui 43 cooperative) che costituiscono il Consorzio alimentare dei marchi Yoga, Valfrutta, Cirio, Derby Blue e Jolly Colombani.

“Grazie all’ottimo andamento delle vendite nei mercati esteri della società capogruppo (+9,9%), alle performance delle società controllate e al positivo andamento del canale food service in Italia (+3,6%), siamo riusciti a fronteggiare l’andamento negativo dei mercati interni in cui operiamo, in particolare succhi di frutta, conserve rosse e vegetali - ha detto il presidente di Conserve Italia, Maurizio Gardini. Il bilancio chiuso al 30 giugno 2019 ha risentito della perdurante crisi dei consumi da parte delle famiglie italiane oltre che degli andamenti climatici sfavorevoli che hanno determinato importanti carenze di materia prima durante la campagna di raccolta, soprattutto nel comparto del pomodoro, e di conseguenza una minore disponibilità di prodotto destinato alla vendita. La solidità della nostra azienda e la capacità di diversificare le produzioni aprendo nuovi mercati, unite al costante impegno negli investimenti e nelle innovazioni di prodotto, ci hanno consentito di rispondere in maniera positiva al difficile contesto, rilanciando la nostra mission di valorizzazione del prodotto dei soci agricoltori”.

A livello di Gruppo Conserve Italia, il fatturato aggregato dell’esercizio 2018-19 si è attestato a 896 milioni di euro in sostanziale tenuta rispetto all’anno precedente, con la quota di export salita al 44% e trainata soprattutto dalla società capogruppo. È migliorata la posizione finanziaria netta di ulteriori 10 milioni di euro, scesa così a 173 milioni, grazie ad una buona tenuta della redditività con Ebitda a 50 milioni (7,4%) e ad un’azione di razionalizzazione ed efficientamento dei costi. Confermato l’impegno sul fronte degli investimenti, pari a 43 milioni di euro, di cui oltre la metà destinati al miglioramento e adeguamento tecnologico degli impianti di lavorazione per valorizzare il prodotto conferito dai soci, e il resto per le attività di marketing a sostegno dei marchi aziendali.

Nonostante il buon andamento delle vendite all’estero (+9,9%), sostenuto dalle crescite di pomodoro e vegetali e dall’apertura di nuovi mercati in Estremo Oriente, la società capogruppo Conserve Italia ha registrato una lieve flessione del fatturato (-1,6%) e una contrazione della redditività a causa della crisi dei consumi interni e dell’andamento climatico sfavorevole. In particolare, il maltempo del maggio scorso ha influito molto negativamente sugli ultimi due mesi di esercizio, riducendo in maniera sensibile le vendite di succhi di frutta e bevande.

Positive le performance delle società controllate: la spagnola Juver ha registrato un ulteriore aumento di fatturato (+1%), in linea con il trend di crescita degli ultimi anni, mantenendo gli ottimi livelli di redditività che hanno portato a raggiungere un utile di 2,4 milioni, grazie soprattutto all’export e alle vendite per le marche commerciali dettate dai buoni rapporti instaurati con tutti i principali gruppi della distribuzione iberica.

Ancora più importante il balzo registrato da Conserves France, che con il +12,3% di fatturato continua il percorso verso l’equilibrio economico aziendale in virtù della crescente interazione con la capogruppo. Decisiva la scelta di puntare sul pomodoro a marchio Cirio, che ha raggiunto la quota del 5% del mercato nazionale (+9% rispetto all’anno precedente).

29 Ottobre 2019
Articoli Correlati