Il primo quotidiano sulla GDO

Aggiornato al 03 Agosto 2020 - ore 16:30

FINANZA

Unicredit sostiene la filiera di Gruppo Pam con 130 milioni di euro

Unicredit sostiene la filiera di Gruppo Pam con 130 milioni di euro

La grossa somma andranno a vantaggio dei fornitori della catena, che potranno così avere un supporto per il proprio ciclo attivo e tenere testa a...


Italpizza sale al 45% in Italgelato

Italpizza sale al 45% in Italgelato

Punto di forza di Italgelato è il grande stabilimento di 8.000 mq, tra Vicenza e Padova, in grado di quadruplicare velocemente gli attuali volumi...


Gruppo Arena: continua la rincorsa con i finanziamenti di UniCredit e Banco Bpm

Gruppo Arena: continua la rincorsa con i finanziamenti di UniCredit e Banco Bpm

Il big del Sud Italia, dopo numerose acquisizioni come quella di Simply Sicilia, ha ottenuto il sostegno di UniCredit, Banco Bpm e UniCredit Leas...


Brexit, con il no deal aumenta il rischio insolvenze

In caso di mancato accordo le stime di Atradius parlano già di un +14% dei rischi di credito nel periodo 2019-2020. Decisamente più contenuti gli impatti negativi per l’Italia che registrerebbe un incremento dello 0,5 per cento.


Raddoppiate in 8 anni imprese con gravi ritardi nei pagamenti

La situazione più critica è nel commercio al dettaglio con incidenza di imprese con ritardi gravi del 17,3 per cento. Diversamente l'ingrosso si qualifica per un'incidenza di tempi nei 30 giorni pari all'8,8%, uno dei dati meno preoccupanti.


Giuliana Albera e Marina Caprotti al 100% in Esselunga

L’operazione, una volta perfezionata, permetterà alla vedova di Bernardo Caprotti, e alla figlia del secondo matrimonio di avviare il gruppo verso l’entrata in Borsa. Tuttavia non si esclude un ‘piano B’, ovvero la cessione a un investitore.


Venchi raddoppia la rete con Sace e Unicredit

Venchi, che chiuderà il 2018 con 100 milioni di fatturato, rispetto agli 80 milioni del 2017, cresce a doppia cifra da 20 anni, sia in Italia che all’estero, ed è arrivata a più di 100 monomarca, di cui 47 in Italia, e nelle maggiori capitali mondiali, tra cui New York, Singapore, Beijing, Londra e Hong Kong. Il piano ...


Nel capitale di Bio 'c Bon entra il colosso orientale Aeon Group

Aeon e Bio’ c Bon erano già alleate dal 2016, data della creazione della joint venture paritetica Bio ‘c Bon Giappone, che ha portato, a 8 aperture a Tokio. Secondo quanto riferisce il quotidiano Les Echos domani, 14 dicembre la rete supererà i confini della Capitale, con l’opening di Yokoama. Il piano per il 2019 prev...


Migliora il tasso di default, ma il commercio rimane indietro

L'analisi di Crif regista una situazione più leggera e volta al miglioramento. Fra i comparti che registrano una rischiosità finanziaria lievemente maggiore della media ci sono però l’agricoltura (4,0%), l’alimentare, le bevande e tabacco (4,1%) e il commercio (4,2%).


Rovagnati entra in Panbolla, il panino che cuoce in una campana di vetro

Dopo i due Rovagnati Bistrò di Milano, in Piazza XXV aprile e in Corso Garibaldi, il salumificio di Biassono (Monza e Brianza) si regala ancora un po’ di ristorazione e acquisisce, tramite un aumento di capitale riservato, una quota minoritaria del fast food all’italiana PanB. L'insegna ha grandi progetti di sviluppo a...


L'alimentare traina la crescita del Paese e bissa il Pil

Il food ha un tasso di variazione che supera il doppio (+3,6%) del Pil italiano (+1,5%). Restano notevoli differenze tra i comparti e le migliori performance di crescita se le aggiudicano caffè, food equipment (macchine ed attrezzature per la produzione alimentare), distillati e vino. Lo dice uno studio dell’Università...


Grandi Stazioni Retail entra nei temporary shop con Retail Group

Gsr, la società che gestisce in esclusiva i 14 maggiori scali ferroviari italiani di 11 città - come Roma Termini, Milano Centrale, Napoli Centrale, Firenze S. Maria Novella, Venezia S. Lucia – ha acquisito Retail Group. Si creano così nuovi orizzonti di affari.


Coop Liguria, un bilancio in utile e in tutta serenità

Localizzata e compatta, l'azienda presenta anche quest'anno una crescita su tutta la linea e chiude con un utile di 22 milioni di euro. La struttura patrimoniale è ben equilibrata e molto solida.


Si conclude con successo l'aumento di capitale di Igd

Alla fine dell’operazione, conclusa il 13 aprile, è stato sottoscritto il 98% delle nuove azioni per un ammontare di 146,96 milioni di euro. Ora parte l'offerta in Borsa per i diritti inoptati.