Loading...
Aggiornato al: 23 Agosto 2019 14:33
Notizia del Giorno
Kinder gelato arriva anche in Italia ai primi di marzo

Frutto dell’alleanza tra Ferrero e Unilever-Algida, arrivano anche in Italia i gelati Kinder. La partnership è già attiva, dallo scorso anno, in Francia, Austria, Germania e Svizzera.

La novità consiste in una linea di 5 prodotti: Kinder Ice Cream Stick, Kinder Ice Cream Sandwich, Kinder Bueno Ice Cream Cone, Kinder Bueno Ice Cream Bar e gli ovetti Kinder Joy Ice Cream.

Si tratta di un'offerta dedicata, in larga parte, ai bambini: un grande gusto e piccole porzioni, nel rispetto delle linee guida Unilever "Responsibly Made for Kids", accanto a una proposta Bueno per un pubblico di consumatori più ampio.

I nuovi gelati saranno disponibili a partire da marzo: le porzioni singole esclusivamente per il fuori casa, mentre i multipack per il domestico. Il lancio è accompagnato, a partire da sabato 23 febbraio, dal tour di assaggi ‘Salti di gioia’, che è cominciato a Napoli e prosegue, il 2 marzo a Roma, e il 3 marzo a Torino.

Secondo l’Istituto del gelato italiano, il consumo di gelati industriali nel nostro Paese è di 3 milioni e mezzo di pezzi per un totale di 3 kg pro capite.

Il 2017 è stato per il settore un anno estremamente positivo, complice un’estate particolarmente calda. La produzione di gelati industriali ha totalizzato 213.125 tonnellate per un valore complessivo di 2.063,9 milioni di euro. L’export ammonta a 69.938 tonnellate, con un incremento del 3,1% per un valore di 230,3 milioni.
Il 2018, il quarto anno più caldo di sempre a partire dal 1880, dovrebbe chiudersi, a consuntivo, con dati in ulteriore crescita.

Un’indagine svolta da Doxa per Igi conferma che il gelato piace al 93% dei nostri connazionali che lo reputano un prodotto estremamente nutriente e digeribile, che può tranquillamente entrare a far parte di un menù giornaliero sano ed equilibrato: un’abitudine che sta prendendo piede in maniera crescente, visto che 3 italiani su 10 lo consumano spessissimo, almeno 3 o 4 volte la settimana (16%) o addirittura tutti i giorni (11%).

26 Febbraio 2019
Articoli Correlati