Loading...
Aggiornato al: 16 Dicembre 2017 16:00
Intervista
Formazione e innovazione, i piani di Maiora - Despar Sud per il 2016

Nasce nel 2012 grazie ad un importante accordo tra le società Ipa Sud s.p.a. e Cannillo Srl. E’ Maiora S.r.l.. molto di più che una realtà nella Grande Distribuzione Organizzata (con le insegne Despar, EuroSpar, InterSpar, IperSpar e Alta Sfera): Maiora coniuga perfettamente l’ambizione di un gruppo che ha come obiettivo quello di diventare leader nel Sud Italia del comparto Gdo e Retail con l’attenzione nel voler formare persone capaci di essere al passo con questa ambizione. Per far questo il gruppo investe ogni giorno in formazione e innovazione. Senza tralasciare il “Fattore D”, l’alta incidenza di lavoro femminile, le cosiddette “quote rosa”, valorizzando la donna con numeri che parlano chiaro: quasi il 50% dei dipendenti appartiene al genere femminile, un equilibrio di pari opportunità per uomini e donne che, allo stesso tempo, si rivela benefico non solo per l’azienda ma per tutta la società. Dei numeri e dei progetti dell’ambizioso gruppo pugliese ne parla Pippo Cannillo, Ad e Presidente della Maiora S.r.l., e dalla fine del 2015 Presidente di Despar Servizi.


Formazione fa rima con innovazione. Come è nata in Maiora l’idea di investire così tanto nella formazione del vostro personale. Una esigenza o una “vision” inserita nel vostro piano di crescita?
Maiora difende e rafforza la cultura della qualità, promuovendo la formazione delle risorse umane e garantendo sempre il rigoroso rispetto dei fondamentali valori etici e dei principi di responsabilità sociale e ambientale. Con oltre 2000 dipendenti, articolata e presente in 4 regioni (Puglia, Basilicata, Campania e Calabria), Maiora si differenzia per la capacità di dare valore alle Persone, vero “capitale” delle imprese per competere sui mercati nazionali. Maiora concilia quantità e qualità con un forte investimento nella formazione e una selezione attenta all’ingresso. Un processo che permette di individuare i profili più adeguati e competitivi da inserire nell’organico con particolare attenzione ai giovani più talentuosi e motivati. Nel corso di quest’anno e nell’immediato futuro verrà posta ancor più attenzione sulle selezioni dei profili aziendali che andranno ad accrescere il valore e il potenziale di Maiora che si pone obiettivi sempre più sfidanti.

Il fatturato del 2015 si attesta intorno ai 500 milioni di euro. Un risultato buono ma che avete intenzione di incrementare notevolmente nel prossimo futuro. Quale piano di sviluppo è previsto per il gruppo?
Il 2015 è stato il primo esercizio di Maiora a perimetro completo, dato che il passaggio delle reti Cannillo/Ipasud e Gam in Maiora è avvenuto a luglio 2014. Il 2015 è stato un anno ricco di soddisfazioni, non solo per il fatturato e il bilancio più che positivo. La crisi ha reso più evidente e, purtroppo, per molte famiglie, anche più drammatica la debolezza della struttura imprenditoriale italiana. Quello che noi abbiamo cercato di fare, e stiamo facendo, con il progetto Maiora è invertire questa tendenza. Il progetto Maiora prevede ulteriori aggregazioni, grandi investimenti, aumento del numero dei punti vendita e crescita del fatturato. Le nuove aperture in Campania e il ritorno dell’insegna Despar in Abruzzo, dopo ben 17 anni, vanno in questa direzione. Così come la nuova struttura commerciale che sorgerà a Terlizzi su un’area di 5500 mq e che vedrà la realizzazione di un Eurospar di circa 1250 mq alla vendita. I lavori di cantierizzazione e scavo del nuovo polo commerciale sono partiti e il progetto prevede la realizzazione di uffici ed esercizi commerciali dislocati su un’area di circa 2800 mq e la riqualificazione del verde destinato ai più piccoli. I lavori si concluderanno tra circa 24 mesi e, così come successo per Giovinazzo, una zona altamente popolata di Terlizzi, ma priva di servizi, sarà completamente rivalorizzata.

Innovazione nei vostri punti vendita: Giovinazzo (Ba) rappresenta il nuovo format per le nuove aperture. Quali sono le novità?
L’Eurospar di Giovinazzo è il punto di riferimento poiché rappresenta il punto di vista di Maiora a tutto tondo. Oltre all’imponente, tecnologica, moderna e funzionale struttura del punto vendita, Maiora si è distinta per la rivalutazione del tessuto urbano-sociale: una zona degradata ha subito un profondo restyling, dall’illuminazione, al rifacimento del manto stradale, all’ampliamento e la riqualificazione della piazza adiacente al punto di vendita. La salvaguardia dell’ambiente è un altro caposaldo infatti sia nelle nuove aperture che nei remodelling dei nostri supermercati, massima attenzione è dedicata alla scelta di impianti di refrigerazione e condizionamento di ultima generazione a basso consumo: i congelatori e i frigoriferi sono dotati di sportelli, che permettono di ridurre il consumo energetico del 45%, mentre gli impianti di illuminazione sono a tecnologia LED, con un consumo elettrico inferiore del 50% rispetto agli impianti convenzionali.
Inoltre, sul tetto dello stabile, sono installati circa 450 pannelli fotovoltaici che utilizzano la luce solare per produrre energia utile, generando risparmio e garantendo così una notevole ed importantissima riduzione delle emissioni di CO2.
Nessuna novità assoluta, ma tante migliorie a concetti già presenti nei nostri punti di vendita, come nel caso del reparto pane sfuso a self-service.

Tra i nuovi compiti importanti della Gdo c’è quello di sensibilizzare i consumatori ad un corretto stile di vita. Ad iniziare dai più piccoli. Qual è il senso del nuovo progetto “Previeni Giocando” e come si è articolato?
Il progetto “Previeni Giocando” si inserisce nel filone della Responsabilità Sociale d’Impresa che per Maiora non è un concetto astratto o un obbligo a cui adempiere. E’ uno dei principi fondanti aziendali che si traduce in rispetto e attenzione nei confronti del territorio, delle famiglie a cui si rivolge quotidianamente e quindi del consumatore, il principale interlocutore che ha guidato le scelte aziendali nel corso di questi anni. L’impegno continuo, immutato e solido nel tempo, è quello di creare valore nelle comunità in cui è illuminata l’insegna Despar attraverso un forte radicamento con il territorio stesso. “Previeni Giocando” è un progetto di educazione alimentare che ha coinvolto le classi 5^ delle scuole primarie di sei centri in cui Despar è presente (1.500 bambini). Un’iniziativa nata dall’esigenza di sviluppare un’azione educativa integrata e continuativa per la promozione di stili alimentari e motori orientati al benessere dei bambini, ma anche dalla volontà di valorizzare il cibo al di là del suo valore meramente nutritivo, mettendone in luce gli aspetti culturali e legati alle tradizioni. “Previeni Giocando” ha sperimentato una metodologia innovativa per formare ed educare, che ha previsto, oltre alle classiche lezioni-incontro con nutrizionisti, attività di formazione on-line. Bambini, dunque, messi alla prova attraverso dei quiz a punti (grazie ad piattaforma interattiva on-line) il cui scopo è, attraverso l’attività ludica, favorire e testare direttamente le nuove conoscenze acquisite.


La Gdo a livello generale attraversa un periodo di crisi: il calo dei consumi spaventa le insegne, così come l’avanzare dei discount. Qual è il suo pensiero a riguardo e come si sta organizzando la Gdo per contrastare questa tendenza?
Le continue aperture di discount, la riduzione dei margini e il contemporaneo aumento dei costi, l’affermazione di canali alternativi di vendita, quali l’e-commerce, sono minacce concrete dietro le quali, però, si nascondono sempre ghiotte opportunità, che dovremo individuare e cogliere senza mai abbassare la guardia.
La profonda crisi che attanaglia il Paese si riflette inevitabilmente nell’universo della Gdo. Maiora ritiene che in questo settore il principale pilastro siano le risorse umane quindi investe costantemente per elevare il capitale umano e per introdurre elementi di innovazione all’interno dei supermercati ad insegna Despar: potrà sembrare quasi strano ma proprio all’interno dei supermercati c’è un’alta componente di innovazione, da quella di processo a quella di prodotto. Pensiamo ai nostri prodotti a marchio che hanno un’altissima componente innovativa o ad esempio all’evoluzione delle tecnologie costruttive dei supermercati stessi. Tutti questi interventi mirano ad elevare l’efficienza della nostra filiera distributiva e di tutta la catena del valore proprio per poter arrivare al consumatore con una proposta che sia meno onerosa, cercando di eliminare tutte le inefficienze che si possono creare. Buona parte dello sforzo in formazione e innovazione va in questo senso, un altrettanto importante quota dei nostri investimenti va invece nella direzione dell’efficacia propositiva quindi nel rendere l’esperienza d’acquisto, la comune spesa dei nostri consumatori, un’esperienza appagante.

Tra le novità c’è una maggiore attenzione ai vostri prodotti a marchio. Come vi state organizzando a riguardo?
La Private Label Despar ambisce a fornire risposte concrete ai bisogni dei consumatori abbinando i principi di qualità e bontà a quelli di convenienza ed eticità. Nel corso del prossimo biennio abbiamo l’obiettivo di definire e arricchire l’identità di ciascun sub-brand di cui si compone la nostra offerta di prodotti a marchio: Premium, Era Ora, Vital, Passo dopo Passo… Grande attenzione è rivolta alle esigenze di tutti i nostri clienti: in quest’ottica è da intendersi il lancio della linea Veggie, ideata per i vegetariani e per i vegani. Questi prodotti sono accuratamente realizzati con una filosofia che punta all'ambizioso obiettivo di renderli appetibili a tutti con materie prime provenienti da agricoltura biologica certificata. Un brand innovativo in linea con le tendenze di mercato, al pari del Bio,Logico ossia una vasta gamma di prodotti firmati Despar provenienti da agricoltura biologica. Dall'ortofrutta ai legumi, dai latticini ai succhi sino agli alimenti per l'infanzia, tutti rigorosamente selezionati e controllati. Con ritmi di vita sempre più frenetici era doveroso pensare ad una linea di prodotti pratici da dosare, veloci da preparare e buoni da gustare. “Era Ora”, infatti, offre una gamma di insalate pronte da condire, primi piatti pronti surgelati, i secondi, i contorni, pizze e snack. Il tutto nella migliore tradizione di convenienza Despar e con la massima garanzia di qualità. Infatti, ed è il segreto della bontà dei prodotti Despar, tutta la filiera produttiva è sottoposta a severi controlli qualitativi e gli ingredienti sono selezionati in base alla loro genuinità.


05 Aprile 2016
Articoli Correlati