A fronte di un contesto turbato da molti elementi di incertezza, i numeri registrati da Unicoop Firenze nel 2022 sono un segnale importante della fiducia dei consumatori che hanno continuato a scegliere i punti vendita Coop.fi per la loro spesa quotidiana.

Da un primo bilancio, il 2022 presenta buoni numeri e risultati positivi per la cooperativa che chiude l’anno con il segno più, registrando un valore delle vendite pari a 2,606 miliardi di euro, in incremento del +8,6% rispetto al 2021. Pur tenendo conto del dato inflattivo e di una contrazione dei consumi legata al carovita, anche i volumi di vendita registrano un importante incremento del 2,1%. Un risultato incoraggiante, che conferma il gradimento e la fiducia di soci e clienti .

Proprio sul tema carovita, la cooperativa ha garantito il massimo sforzo per tutelare il potere di acquisto dei soci durante la tempesta inflattiva, ancora in corso: impegno, quello sul fronte della convenienza, che la cooperativa ha voluto rinforzare nel mese di dicembre, con le iniziative del blocco prezzi, in vigore fino allo scorso 8 gennaio, dei buoni spesa da 5 Euro e di sconto del 30% su tutti i prodotti Fior fiore, messe in campo per permettere a tutti i soci e clienti un carrello di qualità durante le feste, periodo di massimi acquisti dell’anno per le famiglie.

Se l’8 gennaio è terminato il blocco totale dei prezzi, l’insegna da subito rilancia l’impegno sulla convenienza e la difesa del potere d’acquisto con nuove iniziative. Fino a Pasqua, prezzi bloccati su 700 prodotti con un paniere che include prodotti a marchio, di marca e prodotti freschi, per comporre, con un’ampia scelta, il carrello della spesa quotidiana e settimanale.

In calendario, tra gennaio e febbraio, anche tre appuntamenti con l’iniziativa Giorni più buoni che già in corso e verrà replicata nei periodi 23 gennaio – 5 febbraio e 6 -19 febbraio. Come nei precedenti appuntamenti, nella prima settimana ogni 15 Euro di spesa verrà erogato un buono da 5 Euro, fino ad un massimo di 2 buoni per spesa, spendibile nella settimana successiva su una spesa di 15 Euro di prodotti a marchio.tà.